martedì 17 maggio 2011

Music was my first love and it would be my last! To live without my music would be impossible to do. In this world of troubles my music pulls me through *

(*John Miles!)
In questo momento mi sono accorta di avere la famosa
espressione "corrucciata"...
Non è la prima volta che mi capita di rendermi conto, all'improvviso, che da un tempo imprecisato ho la bocca a "culo di gallina", gli occhi socchiusi, le sopracciglia agrottate (un cesso insomma)
...senza un apparente motivo...
E questo mi porta a fare delle considerazioni sul perché -mi imbroncio- senza accorgermene!
(sarebbe meglio non farlo. Riflettere, non mettere il broncio)
Negli ultimi anni sono diventata una persona che prova (per la maggior parte della giornata) emozioni negative.
Ansia, paura, sconforto, terrore, rabbia (soprattutto!!)
Non ho ancora capito bene perché
(ok non ho una vita da favola, ma nemmeno mi posso lamentare)
No, vabbè...un po' di "lamentazioni" ci vorrebbero...ma le tengo per me...
però, pur non esternando esageratamente il mio malessere, non riesco a tenere lontani gli stati d'animo negativi...

Mi sono accorta, per fortuna, che esistono delle situazioni in cui mi sembra di vivere un'altra vita, è come se mi staccassi dal corpo e vivessi una vita ideale...mi dimentico problemi...le ansie...le angosce...le riflessioni sul senso della vita...pensieri sul futuro...mi dimentico chi sono!!!
Casualmente, questi momenti idilliaci coincidono sempre con la presenza di MUSICA!
Ad un concerto mi sento in orbita, invincibile, immortale, tremo dalla gioia, sono tutta un brivido!!!
Ho il sorrisone tipo Stregatto per tutta la sua durata
ed oltre!!! (Almeno fino al giorno dopo);
quando cammino per strada o giro in vespa, con la musica nelle orecchie, mi sembra di vivere una vita ideale, mi sembra di trovarmi nel fantastico mondo di Paul (chi se lo ricorda?)
La musica rende la mia terra ancora più bella.
Mi fa dimenticare delle persone di mmerda che popolano queste zone.
(ma questo merita un post a parte. Devo stilare una specie di manuale di manuela per la sopravvivenza in provincia di napoli!:))
Mi chiedo come mai io non riesca a vivere passando da un concerto all'altro!!!
A volte mi capita di andare concerti favolosi uno dopo l'altro...
ma è sempre troppo poco!! :)


In me sono ancora vivissime le sconvolgenti emozioni che mi hanno avvolta una sera di Marzo...
Era il 12 e mi trovavo a Milano:
ho assistito al mio concerto quasi-ideale (sarebbe dovuto durare di più!!!E i Nobraino avrebbero dovuto avere un trattamento migliore, dannata organizzazione del cacchio)

NOBRAINO in apertura degli ELIO E LE STORIE TESE!

Non potete immaginare come stavo, ero ubriaca di felicità (forse ero anche ubriaca di alcool!)
sentivo il mio corpo vivo come non mai!!
Grazie Nobraino e grazie Elii se ripenso a quella sera emetto, ancora, tanti cuoricini!

Nessun commento:

Posta un commento