lunedì 2 agosto 2010

Peace will come to me..I’m leaving bitterness behind This time I’mcleaning out my mind...



Io vulesse truvà pace,
ma na pace senza morte,
una mmiez’à tanta porte
s’arapesse pe campà.

S’arapesse na matina,
na matin’e primmavera
e arrivasse fin’a sera
senza dì …nzerrate là.

Senza sentere cchiù a ggente
ca te dice…io faccio, io dico…
senza sentere l’amico
c’a te vene a cunziglià.

Senza senter’ a famiglia
ca te dice…ma ch’è fatto ?
senza scennere cchiù a patto
c’a cuscienza e a dignità.

Senza leggere ‘o giurnale
c’a nutizia impressionante,
ch’è nu guaio pe tutte quante
ma nun tiene che ce fa.

Senza sentere ‘o duttore
ca te spiega a malatia…
‘a ricetta in farmacia…
l’onorario ch’e à pavà.

Senza sentere stu core
ca te parla ‘e Cuncettina,
Rita, Brigida, Nannina…
chesta si…chell’ata no.

Pecchè, insomma si vuò pace e
nun sentere cchiù niente,
‘e a sperà ca sulamente
ven’a morte a te piglià ?

Io vulesse truvà pace,
ma na pace senza morte,
una mmiez’à tanta porte
s’arapesse pe campà.

S’arapesse na matina,
na matin’e primmavera
e arrivasse fin’a sera
senza dì …nzerrate là.


- Eduardo.

Sarà mai possibile...truvà pace senza morte??

Nessun commento:

Posta un commento