venerdì 19 febbraio 2010

Un giorno dopo l'altro il tempo se ne va le strade sempre uguali, lestesse case...

diceva l'immenso Tenco...
...e un giorno dopo l'altro compiono gli anni due figure ceh hanno riempito la mia infanzia, e ancora fann oparte delal mia vita: DeAndrè ieri e oggi Troisi! (senza contare mia madre,auguri)

Troisi tenev' na capa tanta...geniale...malinconico e comico...con queli occhi grandi e buoni ceh dicevano tutto!! :)
E poi il suo inconfondibile modo di parlare...
I suoi film hanno fatto storia, son odiventati dei tormentoni.
Solo per citarne uno, chi non ha mai risposto "dove andate, che portate, un fiorino" quando gli è stata fatta questa domanda "Quanti siete?" :D io SEMPRE!
E "Ma nove per nove farà ottantuno"

Adoro il suo modo di parlare dell'amore,sdrammatizzando, ironizzando, ma poi scriveno anceh poesie come "O'Ssaje comme fa o' core"

Ecco le sue parole sulla sofferenza in amore:
"E' qualcosa che deve fare il suo...è un vuoto a perdere.No, non ci guadagni niente dalal sofferenza in amore, a parte i cantautori che ci sscrivono le canzoni.Tu quando soffri cosa ci guadagni?Appunto, tu ci guadagni (rivolto a PinoDaniele), ma quando soffro io...se io soffro faccio o' film,però siccome è di 3ore...tu basta che soffri due giorni,fai na canzone di 3minuti,ma io pe ffà o' film e 3ore aggia suffrì da quando ero piccolino proprio.Questo è tragico,io pè ffà o' film so stato tradito già dall'ostetrica!"

E poi:
"Tu stive 'nzieme a 'n ato, je te guardaje,
primma e da 'o tiempo all'uocchie
pe s'annammura' ,
già s'era fatto annanz o'core
"A me A me"
O' ssaje comem fa 'o core quanno s'è nnammurato
Tu stive 'nzieme a me, je te guardavo
comm'è succiesso ammore ca è fernuto
je nun m'arrenno ce voglio pruvà
je no je no

o' ssaje comme fa 'o core quanno s'è sbagliato"


E ancora:

Questa scena mi porta alle lacrime dalel risate,anceh se l'ho vista centinaia di volte!

"La poesia non è di chi la scrive, ma di chi gli serve"
...ancora oggi quando guardo il postino mi vengono gli occhi lucidi...

MAmma di Beatrice: "Che ti ha detto?"
Beatrice: "Metafore..."
Mamma: "Metafore? e chi t'ha ntise mai e' parlà accussì difficile!"


E per finire...il ricordo di Benigni, una poesia ceh lo descrive alla perfezione...
auguri, ovunque tu sia.

Nessun commento:

Posta un commento