venerdì 31 dicembre 2010

Christams with the yours, Easter what you want! [Eelst]

Un tot di motivi per cui odio le feste natalizie:

Mi fa schifo l'ipocrisia che regna, in maniera particolare, a natale:fare gli auguri a chiunque solo perchè s'adda fa, e magari a quella persona non l'hai cagata tutto l'anno, invece in quel momento DEVI augurarle qualcosa, in cui magari non credi(non parlo di credere in dio, ma credere negli auguri che uno fa!).
Mi fa schifo "dobbiamo essere tutti più buoni" quando poi in realtà siamo tutti delle cazzimme, infami ed egoisti.
Mi fa schifo l'improvviso bisogno di spendere miliardi per regali che magari non verrano nemmeno apprezzati.
Mi fa schifo spreco di cibo per un pranzo luculliano dopo il quale TUTTI SI LAMENTANO di aver mangiato troppo.(poi gli avanzi vanno buttati nella munnezza, manco agli animali vengono dati).
Mi fa schifo riceve sms di auguri TUTTI UGUALI, dove non c'è nemmeno il mio nome.
Mi fa schifo il freddo.
Mi fa schifo ceh Berlusconi stia ancora li (questo non c'azzecca col natale ma fa niente)
Mi fa schifo il fatto che non sono più una bimba che crede nella magia del natale.
Mi fa schifo il fatto che per andare a castellammare con la macchina,sotto natale, debba metterci più di un'ora, quando in genere il percorso è di 10minuti.
Mi fa schifo che aumentino gli scippi per strada
Mi fa schifo la messa di natale col papa vestito da Babbonatale.
Mi fa schifo l'aumento dei prezzi natalizi
Mi fa schifo Babbonatale reso rosso dalla cocacola (però la cocacola è buona cazzo,soprattutto col rhum)
Mi fa schifo che l'importanza religiosa del natale non esista più (anceh se io di religioso non ho niente)
Mi fa schifo ciò, ma nonostante tutto continuo a festeggiarlo, 
ma senza entusiasmo.

(una delel pochissime cose belle delel feste sono le caznoni natalizie degli ELii!)

giovedì 30 dicembre 2010

Mò ven natale, nun tengo denare, me fumm na pippa e me vac a cuccà!


Natale è appena passato...e io sempre nun teng denar'!

Questa sera soffro d'insonnia...vuoi che il periodo delle feste natalizie lo schifo troppo, vuoi che in genere vado a dormire prestissimo e quindi non ho sonno arretrato, vuoi che è un periodo che nn vuole passare...vuoi na centomilalire [cit.]...
sono qui, sveglia, nel letto, e automaticamente il cervello (o quello che ne rimane) comincia a mandare scosse elettriche in giro per i neuroni...
Quando si avvicinano le feste, il mio umore è "bifasico": il natale mi fa diventare un pò tipo Scrooge(e i fantasmi della suddetta festa mi perseguitano). Divento carogna...e pigra...niente mi riesce a smuovere [a parte i miei amati Elio oppure i Nobraino(che meritano un capitolo a parte)].

Mentre a Capodanno mi viene l'angoscia condita da kg tristezza.

Come il simpatico Scrooge, mi viene voglia di parlare con i 3 fantasmi (saranno le ripetute sbronze ai pranzi con famiglia!!), ma siccome il presente mi fa schifo e il futuro mi terrorizza, preferisco parlare solo con il fantasma dei natali passati...dal natale, però, parto per la tangente e inizio a ricordare...
In generale sono nostalgica, quando poi arriva capodanno, pasqua, qualche festa di compleanno...insomma in ogni occasione in cui qualcuno pronuncia l'odiata parola AUGURI, il cervello, per non affrontare il festeggiamento parte e si rifugia nel passato.
Ci tengo a precisare che non sono nostaglica in negativo, cioè di quelli che rimpiangono il passato perchè "tutto era più bello"; no, io accetto i cambiamenti (pur se spesso negativi o prossimi a zero) che ci sono in una "normale" (più o meno) vita; ma siccome non vivo bene il presente, mi piace rifuggiarmi in un periodo in cui, mi sembrava di stare peggio, ma in realtà stavo meglio! :D

Viaggiando tra i ricordi...non so come...mi è venuta in mente (o meglio nel cuore) quella sensazione stupenda di quando da giovincelli esistevano i BALLI LENTI!!
Volete mettere l'emozione del ballo lento con un ragazzo che piace tanto??? Il cuore che sembra uscire dal petto per tutta la durata del pezzo, la tremarella quando le mani si appoggiano sul di lui collo, la risatina isterica dovuta all'imbarazzo, il caldo che si sente perchè le sue mani sono sui tuoi fianchi, il profumo di lui che si sente ancora sui tuoi vestiti anceh il giorno dopo (alzi la mano chi non ha annusato la maglietta una volta tornata a casa!!!)...e il momento più imbarazzante di tutti: la diminuzione della distanza tra i ballerini!!!!!!!

FAVOLOSO!! Sono millenni che non mi capita di provare cose del genere...

Però, anche questi momenti stupendi, avevano i loro lati negativi...quando al posto tuo, veniva scelta la TUA AMICA,quella carina e spigliata...mi è capitato, ed è terribilmente deprimente.
Tutte li, al bordo della stanza (perché le feste erano in casa!!!), si avvicina quello che ti piace, e tu stai per svenire...sei li incredula, "No, non è possibile che stia venendo da questa parte, sono un cesso!".Eppure sembra che punti proprio te...allora ti auto-convinci: "Si è vero, è la rivincita della sfigata, di quella con gli occhiali, della strana, finalmente posso gridare al mondo: CE L'HO FATTA MI HA CAGATA!". Stai anche per alzarti e stai per porgergli la mano...quando..."Scusa, ti va di ballare?"...e prende la mano della tua amica,quella carina di cui sopra...
Ecco da dove arrivano tutti i problemi, dalle feste adolescenti!!DANNATA FESTA DELLE MEDIEEEEEeeeeeeee [cit.] e anche del liceo!
Mi sa che parecchie cose io non le ho ancora superate!! :D
Però ricordo le occasioni andate bene con gioia e mi piacerebbe riprovare una sensazione del genere.
Ma alle feste di oggi si ballano ancora i lenti?
Cmq, per adesso, prendo il cuscino, metto un bel pezzo e ballo con lui, in mancanza di materia prima! :D

Balli?

giovedì 9 dicembre 2010

THE DREAM IS OVER, WHAT CAN I SAY? THE DREAM IS OVER, YESTERDAY I WAS ADREAMWEAVER BUT NOW I'm REBORN...

Volevo postare qualcosa ieri, ma sono stata impegnata a iastemmare e dire parolacce in 5 lingue (più un dialetto) come ogni anno l'8 dicembre. Il tutto,naturalmente, indirizzato verso quella merda che è markdavidchapman.

Il mondo senza John Lennon è molto molto molto più brutto e triste.

Quando ho sentito questo pezzo (How) sono rimasta sconvolta...alcune frasi ce le ho scolpite nella testa, perchè le sento molto vicine...


How can I go forward when I don't know which way I'm facing?
How can I go forward when I don't know which way to turn?
How can I go forward into something I'm not sure of?
Oh no, oh no
How can I have feeling when I don't know if it's a feeling?
How can I feel something if I just don't know how to feel?
How can I have feelings when my feelings have always been denied?
Oh no, oh no

You know life can be long
And you got to be so strong
And the world is so tough
Sometimes I feel I've had enough

How can I give love when I don't know what it is I'm giving?
How can I give love when I just don't know how to give?
How can I give love when love is something I ain't never had?
Oh no, oh no

You know life can be long
You've got to be so strong
And the world she is tough
Sometimes I feel I've had enough

How can we go forward when we don't know which way we're facing?
How can we go forward when we don't know which way to turn?
How can we go forward into something we're not sure of?
Oh no, oh no

grazie.

C'Est Un Ange

lunedì 2 agosto 2010

Peace will come to me..I’m leaving bitterness behind This time I’mcleaning out my mind...



Io vulesse truvà pace,
ma na pace senza morte,
una mmiez’à tanta porte
s’arapesse pe campà.

S’arapesse na matina,
na matin’e primmavera
e arrivasse fin’a sera
senza dì …nzerrate là.

Senza sentere cchiù a ggente
ca te dice…io faccio, io dico…
senza sentere l’amico
c’a te vene a cunziglià.

Senza senter’ a famiglia
ca te dice…ma ch’è fatto ?
senza scennere cchiù a patto
c’a cuscienza e a dignità.

Senza leggere ‘o giurnale
c’a nutizia impressionante,
ch’è nu guaio pe tutte quante
ma nun tiene che ce fa.

Senza sentere ‘o duttore
ca te spiega a malatia…
‘a ricetta in farmacia…
l’onorario ch’e à pavà.

Senza sentere stu core
ca te parla ‘e Cuncettina,
Rita, Brigida, Nannina…
chesta si…chell’ata no.

Pecchè, insomma si vuò pace e
nun sentere cchiù niente,
‘e a sperà ca sulamente
ven’a morte a te piglià ?

Io vulesse truvà pace,
ma na pace senza morte,
una mmiez’à tanta porte
s’arapesse pe campà.

S’arapesse na matina,
na matin’e primmavera
e arrivasse fin’a sera
senza dì …nzerrate là.


- Eduardo.

Sarà mai possibile...truvà pace senza morte??

lunedì 10 maggio 2010

Che paura mi fa carletto l'uomo lupo frank e dracula...lupo frank e dracula...


che paura miche paura mi fa carletto lèuomoche paura mi fa carletto lèuomo òupo frankeie e dracula...
Qualceh sera fa era con dei miei amici "fuori al maracanà"...no, no, non lo stadio del Brasile...ma un pub della mia piangente cittadina.
Discutevamo di mare, barche a vela e di un posto fighissimo (almeno così sembra dalle parole di un amico) in puglia, dove ogni anno organizzano corsi di vela ed è un paradiso...in mezzo ad uan pineta...direttamente sulla spiaggia, con il mare del salento...divino!
E parte l'ideona "Uà manù dovresti proprio farlo questo corso di vela"
Risposta "Sarebbe bellissimo, peccato ceh io abbia paura del mare"
"??????????????? tu????? paura del mare????"
"Eh!"
"Ma, ma, ma tu non sei quella che a 4 anni già nuotava?"
"Eh!"
"Non sei quella ceh faceva le gare di fondo e mezzo fondo a mare fino ad un tot di anni fa,prima di diventare una boa??"
"Eh!"
"ma ma ma eeeh?"
"Eh si mi piace nuotare, mi paice il mare, ma ho paura del mare!Infatti quando facevo le gare cercavo di andare il più veloce possibile (entro i miei "limitatissimi limiti"!!! :D) per uscire dall'acqua il prima possibile,però questa tecnica ha fatto si che vincessi un campionato italiano uisp! aajahhahaha"
Dopo quella discussione ho pensato a tutte le mie paure bizzarre, ne è venuto fuori un elenco assurdo...
Ma sono tutte cose che non riesco a controllare...per quanto possa essere razionale...il pensiero, quando mi trovo in uan determinata situazione, va a finire sempre la...in braccio a quella fottuta paura bizzarra! :)
Ecco un freddo campionario di alcune delle mie fobie, magari, mettendole per iscritto, riesco a vincerle!!dubito, ma non si sa mai...

- Porte automatiche: ho paura che mentre sto passando si chiudano intrappolandomi e tagliandomi a metà, non parliamo di quelel girevoli automatiche:immagino sempre che mentre sto girandoci dentro per uscire, manchi la corrente e devo iniziare a vivere in quella porta per il restodei miei giorni...e moriremo tutti!

- Scale mobili: eeeh il finale delle scale è terribile. Se il laccio delal scarpa si incastra negli ingranaggi e faccio la fine di grattachetta e fichetto? E poi quando acchiappo quelle lunghe, lunghe che portano proprio agli inferi (tipo la metro collinare di napoli alla fermata policlinico!!)provo a guardare giù, mi vengono le vertigini...e moriremo tutti!

- La Funicolare di Napoli:ogni mammasantissima volta ceh la funic. fa la prima fermata ed inizia a dondolare, a parte il mal di mare ceh mi fa quasi vomitare, il primo pensiero è: "Ecco qua, mò si scassa il filo ceh tira e andiamo a finire direttamente in fronte al palazzo a via toledo...e moriremo tutti!"

- Funivia, questa ha facile motivazione.Raramente prendo la funivia per andare sul Faito,molto raramente,ma il mio pensiero è inversamente proporzionale alle volte che uso la funivia:"Ecco qua, mò si rompe il filo e cadiamo nel burrone e moriremo tutti!" Paura leggermente giustificata a causa di un -trauma infantile- proprio su quelal funivia quando ero piccola, è mancata la corrente mentre salivamo sul monte, e siamo rimasti appesi per qualche minuto a dondolare mossi dal vento, sotto di noi la montagna...ma molto sotto...E moriremo tutti!

- Persone/folla. Qui mi aiuta Sheldon Cooper il mito, alla domanda: "What, to you, is a large crowd?" S. risponde "Every group big enough to trample me to death general rule of thumb is 36 adults or 70 children" Ecco io ho paura, si, della folla...ma anche delle singole persone, a volte possono fare più male di una folla ceh ti calpesta...e moriremo tutti!!

- Questo porta direttamente alla paura del CONTATTO FISICO con persone che non conosco: gente in autobus, treni, strada, che sfiora, si appoggia, urta...mi fa rabbrividire...E moriremo tutti!

- Posti chiusi o troppo piccoli (in italiano di chiama Claustrofobia!). Questa è diretta conseguenza delle 2 paure precedenti.E moriremo Tutti!

- Metropolitana: e se qualcuno pensa di farsi espoledere nella metro per protestare contro la scarsa presenza di decaffeinato nei distributori automatici? bomba+sottoterra=morte+sepoltura incorporata...e moriremo Tutti!

- Camion con grano e strani carichi: ogni MAMAMSANTISSIMA volta che in macchina mi trovo dietro un camion con il carico "a vasca"(non so se il nome ufficiale di quel tipo di camion sia questo, ma io lo chiamo così) il mio cervello imemdiatamente pensa "Ecco ora il camion perde il carico e ricopre la macchina con me dentro...e MORIREMO TUTTI!"

- Treno: non oserei mai e poi mai mettere la testa fuori al finestrino del treno...il primo palo...o ramo...Zaaaac e salta la testa.Ma non possiamo nemmen odimenticare lo scherzone di "amici miei"...conseguenza diretta della testa fuori dal finestrino.E poi c'è anceh scritto ceh non si deve fare...E moriremo tutti!

- Auto in diagonale: e se si cappotta???? Quando parcheggio la macchina con solo due ruote sul maricapiede...su uno scalino...oppure quando semplicemente devo fare inversione in salita e la macchina si trova inclinata...inizio a tremare...e mi prende il panico...E moriremo tutti!!

- Pullman: Quando andavo all'università (maròò ceh figata dire "quando ANDAVO" hihihih) ero solita usare come mezzo di trasporto l'autobus,ceh dalla mia piangente cittadina ogni giorno si dirige a Napoli. Un piccolo, ma trascurabilissimo, particolare è ceh gli autisti di questi automezzi...sono COMPLETAMENTE PAZZI...pensano di essere al volante di una macchina da formula 1 e dimenticano spesso di avere tra le mani, oltre al volante di un bus, anche la vita di una 40ina di persone per ogni corsa effettuata. Bene durante i miei anni universitari, ho sviluppato la fobia delle curve. Ogni MAMMASANTISSIMA volta cheu no di questi bus prende una curva la fa "colla recchia per terra",come si usa dire qui, cioè si inclina inverosimilmente a causa della forza centrifuga...di cui non mi fido per niente (anche con la mia fighissima vespa ho paura di fare le curve!!) e il mio terrore è quello che il bus si inclini talmente tanto da accasciarsi su di un lato...naturalmente dal lato delle porte...almeno una volta a viaggio immagino la scena...E moriremo Tutti!

- Squillo del telefono/notizie infauste : Ogni mammasantissima volta ceh mi arriva una telefonata non aspettata, il mio primo pensiero è: "ok è successo qualcosa a casa o a qualcuno delal famiglia,sarà sicuramente una brutta notizia"...E moriremo Tutti!!!

- Aereo: terrore di incidenti. Già normalmente in aereo non sono mai tranquilla, è troppo piccolo per non essere angosciati, chiedo sempre il posto in corridoio, e durante il decollo e l'atterraggio stringo "fortissimamente forte" il bracciolo della sedia,ma me ne accorgo solo dopo.Da quando ho visto Lost la paura che l'aereo si spezzi in 3 tronconi e mi scoppi la testa a causa dello sbalzo imporvviso di pressione, si è impossessata di me...E moriremo tutti!

- Persone o animali addormentati.Ogni mammasantissima volta che vedo i miei addormentati e che non si muovono per più di 30sec, vado nel panico perchè ho paura ceh siano morti e non addormentati.Cosa faccio? Li fisso per dei minuti, almeno finchè non vedo il torace muoversi oppure un minimo movimento!!! E mi capita anche per strada...quando vedo un cane o un gatto addoremntato, devo fermarmi per vedere se respira...E moriremo tutti!!

- Incidente con la macchina: beh nelle zone dove vivo non è poi una paura tanto ingiustificata...basta farsi un giro, anceh a piedi, per notare quanto sia pericoloso e mortale guidare. Oltre ad immaginare ad ogni incrocio ceh incrocio (de hi hi) una macchina che non si ferma allo stop e mi scaraventa per aria, un giorno, così all'improvviso, è uscita fuori una nuova e malsana idea...ero ferma nel traffico in città, zona con palazzi, e ho immaginato un corpo spiaccicato sul mio cofano, di un suicida o di qualcuno che mentre puliva i vetri si è sporto troppo ed è caduto giù.Ecco ora spesso in macchina mi aspetto questi regali dall'alto...E moriremo tutti!!!


La cosa più triste è che tutte queste paure sono perfettamente scenografate, tipo film, e proiettate nel cinema del mio cervello con un solo spettatore: il mio unico neurone funzionante!!!
Qualcuno ha consigli su come evitare di farmi sti film e vivere tranquillamente?
E Cmq MORIREMO TUTTI!!!


P.S. Ho omesso alcune paure, altrimenti sarebbe venuto fuori un "papiello" troppo lungo e ancora più sconclusionato di questo.

fa carletto lèuomo òupo frankeie e dracula...

P.

P.S. ne ho tagliate alcune perchè se no veniva un "papiello" troppo lungo e ancora più sconclusionato di questo.

lunedì 29 marzo 2010

Wait in the fire...wait in the fire...

...Mai verso di canzone(peraltro SPLENDIDA canzone) fu più appropriato!!!!
Grzie JeffBuckley (detto un pò alla lauraScimone)

Ieri,quando sono andata a compiere la mia SCELTA OBBLIGATA, ho riso molto...no, non era colpa dei nervi ceh se ne vanno per ca**i loro...
Appena uscita dal seggio,un camion dei pompieri a sirene spiegate cerca di scansare il traffico intasato dalle elezioni (si, a gragnano quando c'è un evento particolare, magicamente c'è tRAFFICO, forse perchè è bello girare in macchina e farsi vedere: "oh guardate io vado a votare e anceh se vivo a meno di un km prendo la macchina, sono vestito bene, faccio lo struscio elettorale, si si salutatemi, si si voto il fratello del cugino di tuo nonno, si si se mi dai o'post' o mi fai quel favore" .E si gragnano è un pò così...)
Cmq dicevo, sto camion dei pompier urlava tutta forza...perchè voelva passare...i vigili-percheggiatori (l'unico loro lavoro è quello di far parcheggiare le macchine dei loro amici in doppia fila, davanti ai negozi, davanti al comune, davanti alla posta, davanti alla scuola, e fargl ifare manovra quando devono uscire) fischiavano...senza fare niente altro...come se il loro magico fichietto avesse il potere di creare spazi vuoti nel traffico...
Finalmente si apre un varc ospazio temporale e il camion riesce a passare, si ferma proprio nelle vicinanze della scuola...io mi fermo a guardare...tutta gragnano,vigili compresi, avevano lo sguardo rivolto verso l'alto per cercare il fumo e capire dove fosse l'incendio, tutti in attesa di vedere uscire sul balcone il pompiere vittorioso...ma cosa vedo? che ANCHE I POMPIERI VAGAVANO CONFUSI CON LO SGUARDO tra i palazzi i ncerca del fumo...
SI ERANO PERSI l'incendio!!!
Dopo un pò di minuti, i ncui si era creata la fobia fumosa "uà je o sent' o' fiet e' fumm'" "uà pur je" "io la vedo del nero, sott' a chillu balcon'" "ma la telefonata diceva nu palazz' vicin' o' comun'" (detto da un passante, non da un vigile o pompiere), i pompieri accendono le sirene e partono sparati
...penso:"finalmente hanno trovato il palazzo"...e invece 10 minuti dopo...mi ripassano davanti in cerca del palazzo,io mi ero fermata e pensavo "Voglio vedere questo stupido dove vuole arrivare" [cit.Totò]
...dopo un altro giro si fermano davanti ad un palazzo (non lontanissimo da casa mia).Scendono tutti sparati...e corrono in un portone...naturalmente c'era ormai TUTTA GRAGNANO col naso all'insù a vedere il fil di fumo levarsi dall'appartamento...MA NIENTE!
Dopo alcuni imnuti escono di corsa da quel palazzo...ed entrano in quello affianco,sempre di corsa...
A quel punto me ne son oandata pensando "Secondo me mò lo appicciano loro un incendio per mettere fine a questa figura di mmerda"
...intanto TUTTA la Gragnano automobilistica-zzi era bloccata...e si metteva a protestare levando in cielo un coro di clacson...io camminando, invasa dall'unico fumo visibile (quello delle marmitte), betemmiavo i n aramaico antico, perchè odio il rumore e lo smog, e tutto questo perchè? Perchè sono dovuta scendere di casa per andare a votare "IL MENO PEGGIO" ceh munnezz'!
E' in questi momenti ceh riimpiango di non vivere in un mondo fatto di pongo dove c'è lui a risolvere tutto:


venerdì 19 febbraio 2010

Un giorno dopo l'altro il tempo se ne va le strade sempre uguali, lestesse case...

diceva l'immenso Tenco...
...e un giorno dopo l'altro compiono gli anni due figure ceh hanno riempito la mia infanzia, e ancora fann oparte delal mia vita: DeAndrè ieri e oggi Troisi! (senza contare mia madre,auguri)

Troisi tenev' na capa tanta...geniale...malinconico e comico...con queli occhi grandi e buoni ceh dicevano tutto!! :)
E poi il suo inconfondibile modo di parlare...
I suoi film hanno fatto storia, son odiventati dei tormentoni.
Solo per citarne uno, chi non ha mai risposto "dove andate, che portate, un fiorino" quando gli è stata fatta questa domanda "Quanti siete?" :D io SEMPRE!
E "Ma nove per nove farà ottantuno"

Adoro il suo modo di parlare dell'amore,sdrammatizzando, ironizzando, ma poi scriveno anceh poesie come "O'Ssaje comme fa o' core"

Ecco le sue parole sulla sofferenza in amore:
"E' qualcosa che deve fare il suo...è un vuoto a perdere.No, non ci guadagni niente dalal sofferenza in amore, a parte i cantautori che ci sscrivono le canzoni.Tu quando soffri cosa ci guadagni?Appunto, tu ci guadagni (rivolto a PinoDaniele), ma quando soffro io...se io soffro faccio o' film,però siccome è di 3ore...tu basta che soffri due giorni,fai na canzone di 3minuti,ma io pe ffà o' film e 3ore aggia suffrì da quando ero piccolino proprio.Questo è tragico,io pè ffà o' film so stato tradito già dall'ostetrica!"

E poi:
"Tu stive 'nzieme a 'n ato, je te guardaje,
primma e da 'o tiempo all'uocchie
pe s'annammura' ,
già s'era fatto annanz o'core
"A me A me"
O' ssaje comem fa 'o core quanno s'è nnammurato
Tu stive 'nzieme a me, je te guardavo
comm'è succiesso ammore ca è fernuto
je nun m'arrenno ce voglio pruvà
je no je no

o' ssaje comme fa 'o core quanno s'è sbagliato"


E ancora:

Questa scena mi porta alle lacrime dalel risate,anceh se l'ho vista centinaia di volte!

"La poesia non è di chi la scrive, ma di chi gli serve"
...ancora oggi quando guardo il postino mi vengono gli occhi lucidi...

MAmma di Beatrice: "Che ti ha detto?"
Beatrice: "Metafore..."
Mamma: "Metafore? e chi t'ha ntise mai e' parlà accussì difficile!"


E per finire...il ricordo di Benigni, una poesia ceh lo descrive alla perfezione...
auguri, ovunque tu sia.

giovedì 18 febbraio 2010

"Si dice che Fabrizio sia il Dylan italiano, perché non dire che Dylan è il Fabrizio americano?" Fernanda Pivano

...è impresa ardua dover scegliere un solo pezzo di determinati Artisti... In questo caso vorrei celebrare DE ANDRè,perchè oggi è il suo COMPLEANNO avrebbe compiuto 70anni!...ma è difficilissimo scegliere...anche perchè con al maggior parte delle canzoni cisono cresciuta...e quindi ognuna è legata a qualceh momento...per esempio prendiamo la mia infanzia...è indissolubilmente legata a "la canzone di marinella"...l'adolescenza a tutto il disco de "Le nuvole" (anche perchè ci ha lavorato RockocòNatica) e alla "guerra di piero" per ragioni,diciamo, politiche (sono sempre stata e semrpe sarò una pacifista convinta!)...senza contare poi tutte le canzoni d'amore...ceh accomapgnano i miei amori e le inevitabili delusioni da sempre...
...E come si fa a scegliere un pezzo?? Me lo dite???

Dopo una lotta intestina.... ne sono rimaste due...e le pubblico entrambe...

AUGURI FABER...e auguri anche mamma (che domani è il suo di compleanno)

"Fila la lana, fila i tuoi giorni
illuditi ancora che lui ritorni,
libro di dolci sogni d'amore
chiudi le pagine sul suo dolore "





"E perché non mi hai dato
che un addio tanto breve,
perché dietro a quegli occhi
batte un cuore di neve"



giovedì 11 febbraio 2010

...Supergiovane,Supergiovane,Supergiovane salva il giovane,libera lagiovane.Super,Super,Supergiovane...

Thanks to EeLST (sempre siano "cuorati"!)

Nelle foto che seguono...ci sono muscisti (che hanno fatto la storia della musica)...quando erano supergioavni!
Dunque: ce n'è uno ceh poi diventerà un mezzo piromane, n'altro ceh ha lo STESSO IDENTICO GHIGNO ceh aveva da adulto(ma ci è arrivato a diventar adulto?), uno che ha ancora lo stesso taglio di capelli, uno che suona vestito solo di un calzino e no nsta mai fermo, due che militano nello stesso gruppo ma ma NON SI ARRIVA A PENSARE CHE SIANO LORO(uno di loro ha fatto anche un filmino porno con la sua girl girl girl!!), è impossibile...uno che è diventato famoso per la lingua e i tacchi :) e l'ultimo, in un film, nel quale il suo gruppo era protagonista, recitava in una scena in cui si APPICCIAVANO gli occhi con le fiamme(più o meno!) :D




qui ne trovate altri, da vedere absolutely!!!
www.celebrityschoolpics.com/category/2/music/

sabato 6 febbraio 2010

"Adda tene' pacienza pure int'a casa soia", doveva avere pazienza purea casa sua...

.... È bella la pacienza in napoletano perché mette un po' della parola pace dentro la pazienza.
Erri De Luca.

L'ho scoperto solo di recente...una sera da Fazio, l'ho visto, con quella sua espressione buona e l'accento napoletano che ogni tanto viene fuori. Quelle parole su Lampedusa...
E' stato un rivoluzionario, un insubordinato,un operaio, ha fatto mille altri lavori...e poi a 40 anni è diventato scrittore...o forse lo è sempre stato.
Fino ad oggi era rimasto un nome...ceh si, mi aveva incuriosito,ma pensavo "ok ok poi lo leggerò"
E invece...oggi pomeriggio il buon Mixo ha letto qualche riga di una sua poesia...ed è passato tra le mie letture prioritarie!! :)
Ecco la poesia, tratta da "Opere Sull'Acqua e Altre poesie"

Valore

" Considero valore ogni forma di vita, la neve, la fragola, la mosca.
Considero valore il regno minerale, l'assemblea delle stelle.
Considero valore il vino finché dura il pasto,un sorriso involontario,
la stanchezza di chi non si è risparmiato, due vecchi che si amano.
Considero valore quello che domani non varrà più niente e quello
che oggi vale ancora poco.
Considero valore tutte le ferite.
Considero valore risparmiare acqua, riparare un paio di scarpe,
tacere in tempo, accorrere a un grido, chiedere permesso prima di sedersi,
provare gratitudine senza ricordare di che.
Considero valore sapere in una stanza dov'è il nord,
qual è il nome del vento che sta asciugando il bucato.
Considero valore il viaggio del vagabondo, la clausura della monaca,
la pazienza del condannato, qualunque colpa sia.
Considero valore l'uso del verbo amare e l'ipotesi che esista un creatore.
Molti di questi valori non ho conosciuto"





eh???
Cercando qui e li per la rete, ho trovato delle frasi tratte dai suoi scritti, che mi hanno colpito tanto:
- "E vita è un rigo lungo filato e morire è un andarsene a capo senza il corpo" (da Tre Cavalli)

- "Non sono al tuo fianco, Anna, io sono il tuo fianco" (da Il Giorno Prima della Felicità)

- "Non c'è ritorno, pensavo, questo viaggio manca di simmetria, è solo andata" (da Tu.Mio)
[quante storie nelal vita sono di sola andata!!!]

- "È finita. Ora incomincia il tempo, che dura momenti" (da Il Giorno Prima della Felicità)

questa è quella che preferisco(e che ho usato come titolo!!):
- "Adda tene' pacienza pure int'a casa soia", doveva avere pazienza pure a casa sua. È bella la pacienza in napoletano perché mette un po' della parola pace dentro la pazienza" (da Tu,Mio)

Sono indecisa se cominciare con "Tu,Mio" oppure "Il Giorno Prima della Felicità" [un titolo che sento,a me, molto affine]

sabato 30 gennaio 2010

...Ticking away the moments that make up a dull day...

...I'm WAITING FOR THE LAST SEASON!!!! :D (Titolo rubato a Time dei PinkFloyd)

I'm a LOST MANIAC, LOST maniac, that's for sure...and i'm waiting like i've never been waiting befooooOOOore... (da cantar sull'aria di Maniac, naturalmente!)

lost.cubovision.it/

inutile dire che questo link resterà aperto.sul mio pc, fino a quel momento!!
...mi aiuta anche a concentrarmi sullo studio!!

venerdì 22 gennaio 2010

Nel futuro regno magico di Calendar Men Ogni giorno sorge illogico aCalendar Men sta scoppiando una battaglia molto strana...

...sono in guerra i giorni della settimana... (Calendarman - i mitici Cavalieri del Re)

Qualche giorno fa ho pubblicato su FB questo video:




Quando torno a casa, controllo la posta e trovo 13 commenti al video di cui sopra...e penso "Cazz' Fiumani tira sempre...minghia!" (si,.si lo so,dico un pò troppe parolacce, anche mio padre me lo rinfaccia sempre!)
ma, ma, ma cosa vedo di strano?? sono tutti della stessa persona e cioè : Ciao Pimpa (Ciao Elioide)
Quel genietto ha postato 13 video...di 13 canzoni diverse, ceh però in comune avevano nel titolo un mese dell'anno!! :D un bel calendario,ceh qui vi ripropongo:

















































Ah ma ceh simpatia questi miei amici..però a me l'idea è piaciuta proprio assai, grz Ilio!

lunedì 11 gennaio 2010

Quando scadrà l'affitto di questo corpo idiota allora avrò il miopremio come una buona nota...

...questo pensiero non vi consoli, quando si muore si muore soli!

Ciao Faber!
Non c'è mai modo giusto di ricordare un poeta,un artista così grande come DeAndrè.
Ieri sera sono stata ad un tributo a lui dedicato, al PompeiLab, è il secondo anno che lo organizzano,lo hanno ricordato (chi meglio, chi peggio!)giovani artisti campani (Pennelli di Vermeer, GerardoAttanasio e i BoogieWogieMoon, i Vladimir Gonzales e altri) e mi è venuto in mente di ricordarlo, oltre che con le sue stupende parole, con omaggi ceh negli anni gli hanno fatto svariati artisti!

La canzoni di Faber sono ricche di vita,passione (di tutti i tipi,non solo quella amorosa!),magia
...chi non ha mai vissuto un amore o una semplice storia di vita, che DeAndrè ha descritto alla perfezione con le sue liriche, CHI??????

..così fu quell'amore dal mancato finale così splendido e vero da potervi ingannare...




...e tu che con gli occhi di un altro colore mi dici le stesse parole d'amore fra un mese fra un anno scordate le avrai,amore che vieni da me fuggirai...




 

...Tu la cercherai, tu la invocherai più di una notte, ti alzerai disfatto rimandando tutto al ventisette quando incasserai dilapiderai mezza pensione diecimilalire per sentirti dire "micio bello e bamboccione"...



  

(questa versione di Vinicio è una delle migliori tra quelle fatte!)

...con poco senso del pudore le comari di quel rione contemplavano l'animale non dico come non dico dove...attenti al gorilla!




 

(www.myspace.com/vladimirgonzales )
c'è chi aspetta la pioggia per non pianger da solo io sono d'un altro avviso sono un bombarolo.





...e come tutte le più belle cose vivesti solo un giorno come le rose




...ama e ridi se amor risponde piangi forte se non ti sente dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior.





...fuori soffiava dolce il vento ma lei fu presa da sgomento quando lo vide morir contento.Morir contento ed innamorato quando a lei nulla era restato non il suo amor non il suo bene ma solo il sangue secco delle sue vene





ho licenziato dio ho gettato via un amore per costruirmi ilvuoto nell'anima e nel cuore...



ce ne sarebbero altre mille...ma diventerebbe un post infinito!!
grazie Faber...