giovedì 29 maggio 2008

prima mentre ero sotto la doccia ascotlavo un pò di musica...e una di queste era uan canzone antica napoletana, rifatta dai bravi Avion Travel, "canzone appassiunata"
'Aspita ho controlla to di che anno è 1922...vecchietta!!!!
Cmq mi paice molto...e c'è unA frase che mi colpisce sempre...
perchè ho sempre pensato ceh fosse uan giusta filosofia di vita da seguire...
la frase è:

"Fa' bene e scorda e si faje male penza..."

Purtroppo più volte (e pure ultimamente!!) mi devo ricredere...perchè esistono sempre esseri furbetti ceh fanNno il contrario...con la loro "furbetteria"(mi piAce più che furbizia!!) riescono ad arrivare dove vogliono...mettendolo in quel posto a chi cerca di seguire la filosofia di questa bella canzone...
Cari esserini furbettini carini...andate a fare un pò in quel posto...il giorno ceh mi incazzo PER voi è finita!

o no?????

vabbè per addolcire un po' la situazione , vi metto i ltesto intero della canzone...
e mi voglio rovinare...ci metto anceh la traduzione!!! YEAH!!! :) (però faccio copia.incolla, se no non si capisce niente!)

Canzone appassiunata - E.Mario (1922)

N'albero piccerillo aggio piantato,
criscènnolo cu pena e cu sudore.
Na ventecata pò mme ll'ha spezzato
e tutt''e ffronne cágnano culore...
Cadute songhe 'e frutte e tutte quante,
erano doce, e se so' fatte amare.
Ma 'o core dice:
"Oj giuvinotto amante,
'e ccose amare tiénele cchiù ccare..."

E amara comme si', te voglio bene!
Te voglio bene e tu mme faje murí!

Era comm''o canario 'nnammurato,
stu core che cantaje matina e sera...
"Scétate!" - io dico - e nun vò' stá scetato...
e mo, nun canta manco a primmavera!...
Chi voglio bene nun mme fa felice
forse sta 'ncielo destinato e scritto.
Ma i' penzo ca nu ditto antico dice:
"Nun se cummanna a 'o core".
E i' mme stó' zitto!

E mme stó' zitto, sí... te voglio bene...
Te voglio bene e tu mme faje murí!

Chiagno p'ammore, e cade 'o chianto mio
dint'a 'sta testa: 'o chianto 'a sta arracquanno...
Schiòppa na bella rosa e i', pe' vulio,
a chi mm'ha fatto chiagnere nce 'a manno.
Lle dico: "Rosa mia tu mme perduone
si te scarpesarrá senza cuscienza..."
Ce sta nu ditto ca mme dá ragione:
"Fa' bene e scorda e si faje male penza..."

Pènzace buono, sí... te voglio bene...
Te voglio bene e tu mme faje murí!

TRduzione:

Ho piantato un piccolo albero,
curandolo con pena e con fatica.
Una ventata subito me l'ha spezzato
e tutte le foglie cambiano colore...
I frutti sono già caduti e tutti quanti,
erano dolci, ora si son fatti amari.
Ma il cuore dice: "Tu giovane amante,
le cose amare considerale più care..."

E amara come sei, ti voglio bene!
Ti voglio bene e tu mi fai morire!

Era come un canarino innamorato,
questo cuore che cantava mattina e sera...
"Svegliati" - io dico - e non vuol stare sveglio...
e adesso, non canta nemmeno in primavera!...
Colei che voglio bene non mi fa felice,
forse sta in cielo destinato e scritto,
ma io penso che un antico detto dice:
"Al cuore non si comanda". Ed io me ne sto zitto!

E me ne sto zitto, sì... ti voglio bene...

Piango per amore, e cade il mio pianto
in questo vaso: il pianto lo sta innaffiando...
Sboccia una bella rosa ed io, per un desiderio,
a chi mi ha fatto piangere la mando.
Le dico: "Rosa mia tu mi perdoni
se ti calpesterà senza coscienza..."
C'è un detto che mi dà ragione:
"Fai il bene e dimentica ma se fai il male pensa..."

Pensaci bene, sì... ti voglio bene...
Ti voglio bene e tu mi fai morire! 

Nessun commento:

Posta un commento