lunedì 12 marzo 2007

E dunque...per colpa di Emy(Spidi1 o basketwoman, ceh dir si voglia!!)...mi è tornata la voglia di leggermi le poesie di Neruda...e mò ve ne beccate una in Spagnolo e Italiano!!
E poi in giro s idice che non sono romantica!! eheheh
Cosa darei per avere un uomo che mi ama come amava Pablito Neruda!!!! BINGHIA!!!
Ecco a voi il Sonetto XXII

Cuántas veces, amor, te amé sin verte y tal vez sin recuerdo,
sin reconocer tu mirada, sin mirarte, centaura,
en regiones contrarias, en un mediodía quemante:
eras sólo el aroma de los cereales que amo.
Tal vez te vi, te supuse al pasar levantando una copa
en Angol, a la luz de la luna de Junio,
o eras tú la cintura de aquella guitarra
que toqué en las tinieblas y sonó como el mar desmedido.
Te amé sin que yo lo supiera, y busqué tu memoria.
En las casas vacías entré con linterna a robar tu retrato.
Pero yo ya sabía cómo era. De pronto
mientras ibas conmigo te toqué y se detuvo mi vida:
frente a mis ojos estabas, reinándome, y reinas.
Como hoguera en los bosques el fuego es tu reino


Quante volte, amore, t'amai senza vederti e forse senza ricordo,
senza riconoscere il tuo sguardo, senza guardarti, centaura,
in opposte regioni, in un mezzogiorno bruciante:
eri solo l'aroma dei cereali che amo.
Forse ti vidi, ti supposi passando che sollevavi una coppa
ad Angol. alla luce della luna di Giugno,
o eri tu la cintura di quella chitarra
che toccai nelle tenebre e risuonò come un mare smisurato.
Ti amai senza che io lo sapessi, e cercai la tua memoria.
Nelle case vuote entrai con la lanternae rubare il tuo ritratto.
Ma io sapevo già com'eri.D'improvviso
mentre venivi con me ti toccai e si fermò la mia vita:
eri davanti ai miei occhi, regnavi su di me, e regni.
Come falò nei boschi il fuoco è il tuo regno.

Nessun commento:

Posta un commento