mercoledì 18 gennaio 2006

Prima stavo sfogliando uno dei miei libri preferiti..."i dolori del giovane werther"...perchè ho intenzione di rileggerlo appena finirò mille e una notte...
in mezzo a tutta quella tristezza e a quello sconforto...ho trovato una poesia di tale "Antonio De Curtis"  eheheh
non ricordo perchè l'ho scritta li...forse ho letto questa poesia in qualche libro..che però non era mio...e allora non ho trovato altro posto dove segnare...boh...cmq è molto carina...è in napoletano...e mi è piaciuta l'idea del dialogo sole/luna...(non l'etichetta giovanottesca!)
eccola:
'A Cunsegna

'A sera quann o' sole se nne trase
e dda' 'a cunsegna 'a luna p''a nuttata
Lle dice d'int a' recchia:
" i' vac a' casa: t'arraccumann tutt' e' nnammurate."

Breve e circoncisa... :D

1 commento: